Panoramica Pavimenti e piastrelle

Come posare il parquet

11-07-2019

Come posare il parquet in casa

Scopri come posare il parquet sui tuoi pavimenti senza commettere errori: grazie alla guida sottostante potrai stenderlo da solo come un vero professionista.

Come posare il parquet: indicazioni di progetto generali

Ecco una valutazione globale su tempi, costi e difficoltà di questo specifico progetto. | Posa parquet | | |---|---| | Difficoltà | Media | | Tempo di realizzazione | 3-20 giorni | | Costo | Medio |

Indice: Come posare le piastrelle
  1. Preparare il fondo di posa
  2. La scelta della tecnica di posa
  3. Gli schemi di posa del parquet
  4. Le operazioni di posa del nuovo parquet

1. Preparare il fondo di posa

Il primo passo che precede l’installazione vera e propria del tuo nuovo pavimento in legno è bene capire come posare il parquet in base alle caratteristiche del fondo, il quale non deve presentare avvallamenti e crepe e deve essere perfettamente pulito.

2. La scelta della tecnica di posa

A prescindere dalle dimensioni e dall’essenza scelta, dovrai riflettere su come posare il parquet avvalendosi della tecnica migliore: infatti a seconda del fatto che tu voglia o meno rimuovere la precedente pavimentazione, potrai optare per una tecnica adatta allo scopo.

3. Gli schemi di posa del parquet

Una volta deciso come posare il tuo parquet, potrai scegliere lo schema migliore per le tue esigenze estetiche, in modo da creare disegni e trame che doneranno ai tuoi ambienti di casa un tocco di stile peculiare.

4. Le operazioni di posa del parquet

Una volta che avrai scelto come posare il parquet a livello di tecnica e schemi, potrai cominciare ad incollare o incastrare la prima fila di listelli a partire dai muri perimetrali esterni, per poi procedere verso il centro.

Ecco i passaggi per capire come posare le piastrelle in modo preciso

1. Preparare il fondo di posa

Il primo passo che precede l’installazione vera e propria del tuo nuovo pavimento in legno è bene capirecome posare il parquet in base alle caratteristiche del fondo, il quale non deve presentare avvallamenti e crepe e deve essere perfettamente pulito: infatti una superficie non lineare non assicura ai listelli perfetta presa sul fondo e solidità, col risultato che i listelli possono scollarsi, creando fessure in cui sporco e umidità si annideranno facilmente e danneggiando a lungo andare l’intera superficie.

In caso vi siano problematiche di planarità, procedi a versare dello stucco livellante, che sigillerà le fessure e formerà una superficie perfettamente liscia e piana.

Se invece hai dei problemi di umidità di risalita, potresti cogliere l’occasione per rifare completamente il massetto cementizio, rimuovendo la vecchia pavimentazione e ripristinando così un fondo asciutto e perfettamente planare.

È chiaro che questa operazione ha costi e tempistiche diverse dalla semplice posa del parquet, ma ti assicurerà un risultato ottimale e duraturo nel tempo, facendoti risparmiare sui costi di riscaldamento e assicurandoti ambienti più salubri.

Altra operazione preliminare consiste nella rimozione delle porte interne dai cardini e dei battiscopa dai muri, in modo da consentire di posare a filo della parete i listoni di parquet.
rendendo la superficie.

Infine andrà steso il materassino isolante sul fondo di posa, il quale ha anche una funzione fonoassorbente rispetto ai rumori da calpestio, che sui pavimenti in legno sono di norma maggiori rispetto agli altri tipi di materiali.

Sei ancora sicuro di voler procedere col fai-da te alla posa del parquet?

Se non ti senti sicuro di saper come posare il parquet all’interno dei tuoi ambienti di casa, contatta uno dei professionisti affiliati ad Instapro in modo semplice e veloce: ogni giorno ti proponiamo il meglio della qualità al giusto prezzo, con la garanzia di lavori svolti a regola d’arte.

2. La scelta della tecnica di posa

A prescindere dalle dimensioni e dall’essenza scelta, dovrai riflettere su come posare il parquet avvalendosi della tecnica migliore: infatti a seconda del fatto che tu voglia o meno rimuovere la precedente pavimentazione, potrai optare per una posa adatta allo scopo, in modo tale da ottenere un risultato perfetto.

Entrando nello specifico, le tecniche di posa più comuni per il parquet sono:

  • Quella incollata, la più diffusa ed economica, adatta sia per posare il nuovo parquet sul tuo vecchio pavimento, sia per incollarlo sul nuovo massetto. Grazie alla forza degli adesivi per legno potrai risparmiare tempo e denaro e avere un risultato ottimale;
  • La posa chiodata, che si adatta a listelli molto spessi e che ha un costo superiore, per il fatto che serve uno strato di legno sottostante, di solito annegato nel massetto cementizio mediante malte o collanti, al quale andrà inchiodato il parquet;
  • La posa flottante o a incastro, che prevede l’utilizzo di listelli con precisi incavi maschio-femmina, i quali terranno fermo il pavimento senza utilizzare colle o chiodi. Ciò significa un buon risparmio di tempo e denaro, anche se è necessaria la stesura di un materassino isolante, per ridurre i rumori di calpestio ed assicurare una maggiore solidità al parquet.

3. Gli schemi di posa del parquet

Una volta deciso come posare il tuo parquet, potrai scegliere lo schema migliore per le tue esigenze estetiche, in modo da creare disegni e trame che doneranno ai tuoi ambienti di casa un tocco di stile peculiare.

Gli schemi di posa del parquet più utilizzati dai professionisti sono i seguenti:

  • La posa a correre, chiamata anche a cassero regolare, che prevede una posa orizzontale, verticale o diagonale dei listelli, le cui teste però risultano essere sfalsate, in modo da creare file dalle giunzioni non perfettamente allineate;
  • La posa dritta, detta anche accostata, che prevede che i listelli siano poggiati in orizzontale o in verticale, con le teste dei listelli che combaciano perfettamente, creando così file regolari e perfettamente allineate;
  • La posa a spina di pesce, che prevede un’inclinazione di 45, 60 o 90 gradi delle teste dei listelli rispetto al piano di posa, il che allunga le tempistiche di lavorazione del pavimento, in quanto si richiede molta più precisione;
  • La posa a tolda di nave, detta anche all’inglese che si basa sull’utilizzo di listelli di legno dalle dimensioni differenti, che creano uno schema dinamico sulla superficie in questione. In particolari si utilizzano listelli più corti all’inizio delle file, nella parte a contatto col muro, per poi impiegare le assi di lunghezza media nella parte centrale.

Hai dei dubbi sui prezzi per la posa del parquet?

Ora che hai quasi tutti gli elementi per capire come posare un parquet in maniera efficace, puoi risolvere alcune perplessità legate ai costi di quest’operazione semplicemente consultando questo link, dove troverai un riepilogo dei prezzi per tutti i servizi forniti da Instapro:

4. Le operazioni di posa del parquet

Una volta che avrai scelto come posare il parquet a livello di tecnica e schemi, potrai cominciare ad incollare o incastrare la prima fila di listelli a partire dai muri perimetrali esterni, per poi procedere verso il centro.

Utilizza un martello di gomma per facilitare l’incollaggio o l’incastro dei listoni e abbi cura di tagliare a misura quelli che andranno a posizionarsi vicino tubi a vista, battiscopa, prese elettriche o soglie delle porte: infatti dovrai ricoprire al millimetro queste zone, evitando disassamenti e problemi di incastro.

Una volta che avrai completato le file che ricopriranno il fondo di posa, potrai montare nuovamente i battiscopa e le porte, verificando se vi sono aggiustamenti da fare sui listelli che confinano con essi.

Terminato il montaggio su tutta la superficie, potrai stendere sulla superficie nuova in legno un prodotto lucidante, come ad esempio le cere per legno, che doneranno quel tocco di brillantezza in più al tuo pavimento e che al tempo stesso formeranno una piccola pellicola protettiva contro polvere e graffi.

Trova il pavimentista più adatto a te in modo semplice e veloce con Instapro

Hai capito come installare il parquet in casa ma vuoi comunque affidarti a un professionista di comprovata esperienza?

Rivolgiti a un pavimentista affiliato a Instapro: in pochi e semplici click potrai richiedere gratuitamente il tuo preventivo ed avere una stima dei costi e delle tempistiche di lavoro.

Confronta i servizi di ciascun professionista e leggi le recensioni dei clienti: in questo modo avrai un ulteriore metro di paragone per scegliere il pavimentista più adatto alle tue esigenze. Con Instapro qualità, convenienza e risparmio sono a portata di mano.

A proposito di Instapro

Instapro ti permette di richiedere gratis preventivi e di metterti in contatto con professionisti qualificati in maniera facile e veloce: ti basterà selezionare il pavimentista che meglio rispecchia le tue aspettative ed attendere la sua risposta.

Altre letture consigliate

Mettiti in contatto con i professionisti per permettere loro di stimare accuratamente il prezzo per la tua richiesta.

Trova un pavimentazione vicino a te