Usando Instapro, acconsenti all'uso di cookies per migliorare la tua esperienza.
Panoramica Costruzione e ristrutturazione casa

Quanto costa una ristrutturazione?

Vuoi sapere tutto su ristrutturazione, prezzi, detrazioni fiscali ristrutturazione 2018 e come funziona l’iter? Su Instapro trovi tante informazioni e i migliori professionisti dell’edilizia. Leggi la guida e sarai pronto a ristrutturare casa.

Vuoi ricevere preventivi su misura da ditte nella tua zona?

Qual è il prezzo per una ristrutturazione: prezzi, fasi ed informazioni generali

Stai pensando di fare una ristrutturazione e i prezzi sono un rebus? Ti aiutiamo subito con una panoramica completa sui costi di ristrutturazione al mq della casa, di un appartamento o di parti di edifici condominiali.

Fare una stima del costo di ristrutturazione è facile. Ma nella ristrutturazione i prezzi possono vedere variazioni più o meno importanti, a seconda delle tue necessità e dello stato dell’abitazione. Come farsi un’idea precisa? Chiedendo una consulenza e un preventivo per la ristrutturazione casa a un’impresa edile specializzata. Bastano pochi click.

Instapro ti mette in contatto con i migliori professionisti vicino a te. Puoi comparare i diversi professionisti, scoprire cosa ne pensano gli altri clienti leggendo le recensioni, scegliere l’impresa e, infine, contattarla per richiedere un preventivi su misura.

Tabella indicativa dei prezzi per la ristrutturazione di una casa

Ecco i prezzi medi per tipologia di intervento per una ristrutturazione. | Ristrutturazione casa - Prezzi | Da | A | |---|---|---| | Abbattere parete al m² |10€ | 30€ | | Costruzione parete divisoria al m² | 25€ | 55€ | | Impianto idraulico | 2000€ | 5000€ | | Impianto elettrico | 800€ | 2000€ | | Aggiunta scale | 1500€ | 3000€ | | Ampliamento casa al m² | 1000€ | 2000€ |

N.B.:I prezzi potrebbero variare per il tipo di lavoro da effettuare, la qualità della sua esecuzione e la regione in cui ti trovi.

Non hai ancora deciso gli interventi di ristrutturazione e i prezzi che puoi sostenere? Allora, leggi la nostra guida ristrutturazioni 2018 fino alla fine per avere un quadro completo.

Ristrutturare casa completamente o parzialmente? Hai bisogno di fare interventi parziali o globali? Il primo aspetto da definire è l’entità dei lavori. Ecco perché.

  • Questione economica

Come puoi immaginare, l’entità dell’opera influisce sul costo di ristrutturazione della casa. Per piccoli lavori, le spese principali derivano dalla manodopera e materiali. Per interventi più importanti, dovrai calcolare anche le spese burocratiche e di consulenza. Ovviamente, per ciascun tipo di ristrutturazione i prezzi variano.

  • Questione burocratica

Cambia anche l’iter burocratico: alcuni interventi richiedono l’autorizzazione comunale, mentre altri no. In linea generale, le piccole manutenzioni ordinarie non necessitano di autorizzazione, mentre le opere straordinarie sì.

  • Quali sono le fasi di ristrutturazione di una casa o appartamento?

Per una ristrutturazione parziale, come tinteggiare le pareti del salotto, non hai bisogno di autorizzazioni. Quindi le fasi della ristrutturazione sono semplicemente quelle necessarie a realizzare l’intervento:

  • Prendere accordi con la ditta di fiducia;
  • Comprare i materiali necessari;
  • Fare i lavori preparatori;
  • Eseguire l’opera e le finiture.

La completa ristrutturazione di un appartamento o casa è ben più articolata. Dovrai:

  • Chiedere la consulenza di un geometra, architetto o ingegnere;
  • Trovare una ditta di ristrutturazioni;
  • Fare un sopralluogo dell’immobile con i professionisti;
  • Stilare il progetto definitivo dell’intervento;
  • Ottenere i permessi per ristrutturare casa e adempiere agli obblighi previsti dalla normativa per la ristrutturazione;
  • Predisporre la pratica da presentare al Comune per ottenere le autorizzazioni ai lavori;
  • Eseguire i lavori secondo gli accordi presi e le disposizioni di legge.

  • Ristrutturazioni in casa o in condominio: cosa cambia?

È importante fare le dovute distinzioni tra singole unità abitative e parti condominiali.

Quando si fa una ristrutturazione nel proprio appartamento o in casa, questa riguarda esclusivamente gli spazi, gli immobili e le pertinenze di proprietà privata. Cioè la singola unità immobiliare. Quando si fa una ristrutturazione in condominio, i lavori si riferiscono alle parti condivise dell’edificio, come portoni di ingresso e androni, ascensori, cortili, vani lavanderia e così via. Abbi cura di trovare le informazioni giuste per il tuo caso e di eseguire i lavori a norma di legge.

  • Esistono agevolazioni per le ristrutturazioni nel 2018?

Sì, e puoi accedere al bonus ristrutturazioni 2018 e ad altre agevolazioni fiscali previste dalla Legge di bilancio. Ecco quando si possono richiedere le detrazioni fiscali ristrutturazione 2018:

  • Per singole unità abitative: per lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia;
  • Per i condomini: nei casi sopra elencati, ma anche per i lavori di manutenzione ordinaria.

Continua a leggere per conoscere quali sono le detrazioni fiscali previste per la ristrutturazione di una casa o appartamento. Ne parliamo nel dettaglio tra qualche riga.

Costo ristrutturzione completa

Ristrutturazione: differenza tra manutenzione ordinaria, straordinaria, ristrutturazione edilizia e recupero

Spesso si fa confusione tra manutenzione ordinaria e straordinaria: in effetti, il confine è piuttosto labile. Un indizio che ci permette di distinguere tra intervento ordinario e straordinario è il grado di ammodernamento o innovazione apportato. Ecco un esempio.

Stai per avviare la ristrutturazione della tua casa a Roma e vivi in una zona molto caotica e rumorosa. Devi sostituire gli infissi. Se installi infissi di ultima generazione, pensati per ridurre l’inquinamento sonoro e migliorare la classe energetica dell’abitazione, fai una ristrutturazione straordinaria. Se installi infissi nuovi, ma di pari prestazioni rispetto ai serramenti precedenti, fai una ristrutturazione ordinaria.

I lavori ordinari comprendono opere come riparazioni, sostituzione delle finiture, tinteggiatura delle pareti. I lavori straordinari abbracciano opere di altro tenore, come la ristrutturazione del bagno, interventi strutturali, sostituzione caldaia, ampliamenti e così via.

E come distinguere tra ristrutturazione edilizia, risanamento conservativo o restauro? Vediamo subito in cosa si differenziano queste opere finalizzate a ristrutturare casa, un appartamento o un condominio.

  • Il risultato di una ristrutturazione edilizia è evidente: dopo l’intervento, l’immobile avrà un aspetto diverso, nel suo complesso o su parti localizzate. Un esempio? La demolizione e rifacimento dell’edificio. Ma anche la realizzazione di un balcone che non esisteva.

  • Si parla di restauro quando si interviene su un immobile di particolare valore storico o architettonico, per tutelare la conservazione delle sue caratteristiche originali. L’esempio più chiaro è il restauro degli affreschi in un palazzo antico.

  • Il risanamento conservativo, invece, interessa lavori di ristrutturazione destinati a mantenere la funzionalità dell’immobile, senza trasformarlo. Ad esempio, risollevare un edificio dal degrado o aprire nuove finestre per portare luce naturale e arieggiare gli ambienti.

Ristrutturazione: gli interventi per gli interni

Una casa ristrutturata acquista maggior valore di mercato e diventa subito più vivibile. La ristrutturazione degli interni è probabilmente la più semplice e gettonata. Si possono realizzare vari tipi di ristrutturazione e i prezzi cambiano a seconda dell’intervento, della tipologia di casa, appartamento o condominio.

Variano anche i requisiti per accedere alle agevolazioni per ristrutturazioni 2018, un aspetto che indubbiamente incide sul costo di ristrutturazione casa complessivo. Quando devi ristrutturare casa, per i lavori di manutenzione ordinaria puoi usufruire degli sconti fiscali solo nel caso in cui apporti un’innovazione rispetto alla situazione precedente. Ad esempio: sostituisci le finestre con un modello di colore diverso, oppure con prestazioni energetiche migliori.

Per quanto riguarda la ristrutturazione di parti comuni residenziali (condominio), anche la manutenzione ordinaria può essere agevolata. Ad esempio: sostituire le finestre con un modello uguale a quello precedente. Vediamo gli interventi di ristrutturazione più comuni e le opere ammissibili agli incentivi ristrutturazione 2018.

Infissi e porte

Sostituire infissi e porte rientra nella manutenzione ordinaria. Ma diventa un intervento straordinario in caso di una ristrutturazione più impegnativa, o mirata a migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio.

Vediamo quali sono le opere per cui è previsto il bonus ristrutturazione 2018.

  • Finestre;
  • Infissi esterni;
  • Serramenti esterni;
  • Inferriata fissa;
  • Porta blindata interna o esterna;
  • Portafinestra;
  • Porte esterne;
  • Allarme su finestre esterne;
  • Nuove aperture di porte e finestre;
  • Infissi e serramenti per il contenimento dell’inquinamento acustico;
  • Allargamento porte con demolizioni di piccola entità;
  • Realizzazione di chiusure o aperture interne senza modificare lo schema distributivo della casa e dell’edificio;
  • Allargamento di porte e finestre esterne con demolizioni di piccole proporzioni di muratura.

Costruzione di mura interne

Le spese per la costruzione di pareti interne, in linea generale sono ammissibili alle detrazioni fiscali per la ristrutturazione 2018. Fanno eccezione gli interventi puramente estetici e non funzionali, come la realizzazione di una parete in cartongesso o la semplice demolizione di un muro, a meno che non rientri in un intervento di ristrutturazione più ampio. Ecco alcune opere agevolate.

  • Nuova costruzione di muri interni;
  • Demolizione e ricostruzione della parete in un’altra parte interna.

Tinteggiatura

Nell’ambito della ristrutturazione di un appartamento o di una casa, è molto frequente tinteggiare pareti e soffitti. Ecco quando si ha diritto agli incentivi ristrutturazione 2018.

Nelle singole unità immobiliari:

  • Tinteggiatura interna di muri e soffitti, se l’opera fa parte di un intervento più vasto come una riqualificazione energetica o la costruzione di un nuovo muro.

Per parti condominiali:

  • Tinteggiatura di pareti e soffitti in parti condominiali comuni, senza limitazioni per materiali e colori;
  • Rifacimento di intonaci interni su parti condominiali.

Pavimenti e rivestimenti

Al momento di ristrutturare casa, rifare i pavimenti interni e i rivestimenti murari è utile per motivi funzionali ed estetici. Vediamo quando è possibile richiedere le detrazioni fiscali per la ristrutturazione 2018.

  • Quando l’intervento interessa parti condominiali;
  • In una singola unità immobiliare, se rientra in un intervento più ampio.

Ristrutturazione bagno

La ristrutturazione di un bagno è molto impegnativa e può riguardare la sola sostituzione dei sanitari o il rifacimento dell’intera stanza. Per fortuna, ci vengono incontro le detrazioni fiscali.

  • Quando si sostituiscono i sanitari, la spesa è detraibile se fa parte di interventi maggiori per i quali spetta l’agevolazione;
  • Quando si realizza un servizio igienico interno.

Ristrutturazione cucina, soggiorno e camera da letto

Ristrutturare le varie stanze della casa non è un gioco da ragazzi. C’è la possibilità di usufruire di qualche agevolazione? Sì.

  • Puoi richiedere la detrazione fiscale per la ristrutturazione in caso di un vasto intervento per cui spetta l’agevolazione.
  • Puoi richiedere il Bonus mobili 2018, una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni).

Se gli interni della tua casa hanno proprio bisogno di un restyling, chiedi subito modalità di ristrutturazione e prezzi ai professionisti iscritti a Instapro.

Ristrutturazione: gli interventi per gli esterni

Quando si tratta di esterni, l’entità della ristrutturazione e dei prezzi può farsi importante. Infatti, le detrazioni fiscali ristrutturazione 2018 sono previste per la maggior parte degli interventi. Scopriamoli subito.

Tinteggiatura esterna

La tinteggiatura esterna come intervento a sé stante o parte di un’opera più ampia? In ogni caso, puoi richiedere il bonus per i lavori di ristrutturazione in casa e delle parti condominiali:

  • Rifacimento degli intonaci;
  • Rifacimento della tinteggiatura;
  • Rifacimento tetto.

È uno degli interventi più frequenti in ristrutturazione, e i prezzi si fanno sentire. Per fortuna ci sono le agevolazioni.

  • Sostituzione dell’intera copertura;
  • Modifica della pendenza delle falde con o senza aumento di volume;
  • Riparazione delle travi e sostituzione parziale o totale;

Garage o box auto

Garage e box auto sono una grande comodità. Meglio non farsi sfuggire l’opportunità di ristrutturare, grazie alle agevolazioni per ristrutturazione 2018.

In casa, se di pertinenza dell’abitazione: * Nuova costruzione di box auto o garage; * Riparazioni varie e sostituzioni.

In condominio: * Riparazioni varie e sostituzione di parti anche strutturali, anche senza modificare le dimensioni.

Isolamento a cappotto

L’isolamento a cappotto è un metodo di coibentazione degli edifici. Si tratta di un’opera straordinaria e, per questo, sia in casa che nelle strutture residenziali, è prevista una detrazione del 65%.

L’isolamento termico, così come ogni opera per il risparmio energetico, può usufruire degli sconti fiscali, purché sia certificato il raggiungimento degli standard di legge.

Mansarda

Rinfrescare la mansarda o sottotetto di tanto in tanto è una buona cosa. Ma se vuoi trasformare l’ambiente, questo è il momento giusto: approfittando delle detrazioni fiscali ristrutturazione, i prezzi da sostenere si abbassano. Ecco in quali casi.

  • Riparazione modificando la posizione preesistente;
  • Modifiche interne ed esterne con varie opere edilizie senza modificarne la destinazione d’uso;
  • Sostituzione dei sanitari;
  • Installazione di lucernari;
  • Opere edilizie per convertire il sottotetto in unità immobiliare abitabile, se compreso nel volume.

Balconi, terrazze e parapetti

Vuoi creare un nuovo balcone che non c’è? Occhio alla disciplina paesaggistica territoriale. Fare ristrutturazione a Milano non è come fare ristrutturazione a Roma, Torino, Napoli e così via. Le normative spesso variano da comune a comune. Anche l’ubicazione della casa o appartamento fa la differenza: potrebbero esistere norme diverse per l’edilizia in centro storico, in periferia, in collina, sul mare. Salvo diverse disposizioni, è possibile realizzare questi interventi e richiedere il bonus ristrutturazione 2018.

  • Nuova costruzione di balconi o rifacimento;
  • Rinforzo della struttura, riparazioni di parti murarie, sostituzione di parapetti e ringhiere;
  • Rifacimento del lastrico solare.

Ampliamento immobile

Se hai i requisiti necessari per ampliare la casa, ecco le opere agevolate che puoi realizzare:

  • Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari;
  • Spostamento di locali da un’unità immobiliare a un’altra;
  • Unione di due abitazioni con la costruzione di opere esterne;
  • Ampliamento con formazione di locali tecnici;
  • Demolizione e/o costruzione (scale, vano ascensore, locale caldaia, ecc.) con opere interne ed esterne.

Rifacimento facciata

Una tinteggiatura o un intervento di sicurezza statica comportano piccole o grandi modifiche alla facciata di un edificio. Ecco quando spettano le detrazioni per la ristrutturazione 2018.

Per la singola unità immobiliare: * Rifacimento anche parziale della facciata modificando materiali e/o colori.

Per il condominio: * Rifacimento parziale o completo, anche con materiali e colori uguali a quelli preesistenti; * Piccola apertura per sfiatatoio gas.

Ristrutturazione energetica: gli interventi

Riqualificazione energetica: quali sono gli interventi più comuni e ammissibili alla detrazione Irpef? La ristrutturazione in ottica di riqualificazione energetica è uno dei capisaldi della Legge di sostenibilità 2018 che vuole incentivare la riduzione dell’impatto ambientale. Per questo genere di ristrutturazioni i prezzi potrebbero apparire elevati. Ma l’investimento si ripaga nel tempo con un considerevole risparmio in bolletta, maggiore efficienza energetica, e, soprattutto, un ambiente più salubre per sé e la collettività.

Non lasciarti impressionare dai presunti costi di ristrutturazione: lo Stato prevede importanti ecobonus e detrazioni fiscali per premiare i cittadini virtuosi.

Impianto elettrico

Sia in casa che in condominio, l’ecobonus 2018 c’è per tutti in caso di sostituzione dell’impianto elettrico o integrazione per la messa a norma.

Impianto di riscaldamento e condizionamento

Dalla caldaia ai condizionatori, le detrazioni corrono sul filo dell’efficienza energetica. Ecco quando le puoi richiedere.

Ristrutturazione in casa: * Nuovo impianto autonomo interno di riscaldamento o ventilazione, con o senza opere edilizie esterne; * Riparazione dell’impianto (conforme al DM 37/2008 - ex L. 46/90) con aggiornamento o innovazioni; * Riparazione o sostituzione della caldaia o del locale caldaia con ammodernamenti; * Sostituzione di caloriferi e condizionatori diversi dai preesistenti; * Installazione di macchinari esterni; * Nuova costruzione interna o esterna con modifiche rispetto alla precedente; * In caso di restauro, ristrutturazione o manutenzione straordinaria, riparazione della centrale termica, con o senza modifiche interne o esterne.

In condominio: * Riparazione dell’impianto di riscaldamento (conforme al DM 37/2008 - ex L. 46/90) con o senza innovazioni o ammodernamenti; * Sostituzione o riparazione di caloriferi e condizionatori; * Riparazione o rifacimento della canna fumaria; * Riparazione della centrale termica; * Riparazione caldaia.

Impianto idraulico

In casa o in condominio, la ristrutturazione dell’impianto idraulico è un intervento molto importante e quindi agevolato dalla detrazione fiscale per la ristrutturazione 2018. Ecco quando è possibile richiederla.

  • Sostituzione o riparazione dell’impianto;
  • Nuova costruzione o riparazione di una centrale idrica (volume tecnico) se rientra in una manutenzione straordinaria, restauro o ristrutturazione;

Pannelli solari, isolamento termico e altre opere energetiche

Se hai l’obiettivo di conseguire un risparmio energetico, sfruttando fonti rinnovabili e migliorando la classe energetica dell’abitazione o condominio, potrai sicuramente usufruire dei bonus fiscali. Quali interventi potresti fare? Vediamo alcuni esempi.

  • Installazione di pannelli solari;
  • Installazione di impianto fotovoltaico;
  • Impianti di riscaldamento all’avanguardia come pompe di calore, caldaie a biomassa, caldaia a condensazione, caldaie a idrogeno e così via;
  • Isolamento termico e acustico dell’edificio, mediante coibentazione esterna o interna; Ristrutturazione completa della casa in chiave ecologica.

Ristrutturazione antisismica, bonifiche e sicurezza

Impossibile tralasciare questo capitolo importantissimo per la sicurezza della propria famiglia e della comunità. Se rientri in una di queste casistiche, metti in programma i lavori e potrai approfittare delle detrazioni fiscali sulla ristrutturazione 2018 e altri bonus dedicati.

  • Sicurezza statica e antisismica: le opere per sicurezza statica e antisismica riguardano l’adozione di misure antisismiche in assenza di calamità naturali, e gli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’abitazione a seguito di un terremoto, nel caso sia stato dichiarato lo stato di emergenza. Per l’edilizia antisismica è previsto il cosiddetto sisma bonus: cioè detrazioni fino all’85% fruibili fino al 2021.

  • Bonifiche amianto: la rimozione dell’amianto è un altro aspetto cruciale per la sicurezza. Si rischiano sanzioni salate fino a 2.000 euro nel caso di mancato intervento, laddove necessario. Anche in questo caso, c’è il bonus ristrutturazione 2018 a calmierare la spesa.

Se hai bisogno di realizzare interventi di ristrutturazione con prezzi più o meno importanti, non esitare a chiedere la consulenza di una ditta esperta. Gli sconti fiscali potrebbero non essere prorogati al 2019.

Ristrutturazione: pianifica i tuoi lavori in tutte le città d’Italia

Su Instapro, puoi pianificare lavori di ristrutturazione e costi in maniera facile e veloce. Bastano pochi click.

Vivi in una grande città e devi fare una ristrutturazione in appartamento a Milano, Roma, Torino, Napoli? Oppure, devi ristrutturare casa in provincia? Come puoi immaginare, la piazza in cui ti trovi determina i costi di ristrutturazione al mq, modalità dei lavori e iter da seguire.

Proprio per questo, Instapro è uno strumento utile per confrontare ditte qualificate e richiedere preventivi di ristrutturazione per la casa e riuscire a pianificare i lavori di ristrutturazione a seconda delle tue esigenze, in qualunque città d’Italia.

Ristrutturazione: la normativa di riferimento

La normativa di riferimento per i lavori di ristrutturazione è il Testo unico sull’edilizia, DPR 380/2001 emanato dal Presidente della Repubblica. Se hai bisogno di informazioni sulle ristrutturazioni 2018, rivolgiti agli sportelli del tuo comune o richiedi una consulenza professionale.

Detrazioni fiscali ristrutturazione 2018

Normativa sulle detrazioni fiscali ristrutturazione 2018, come funziona? Dopo i lavori di ristrutturazione agevolabili, ora vediamo il quadro normativo completo.

Grazie al bonus ristrutturazione 2018 è possibile detrarre dall’Irpef il 50% delle spese sostenute per la ristrutturazione dell’appartamento, della casa e delle parti comuni dei condomini. I lavori ammissibili all’agevolazione devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2018, per una somma massima di 96.000 euro.

Come abbiamo visto, non puoi richiedere le detrazioni fiscali ristrutturazione 2018 per degli interventi qualsiasi. Per accedere ai benefici fiscali, dovrai possedere i requisiti previsti dalla legge.

Come accedere alle detrazioni fiscali? L’iter burocratico negli anni è stato semplificato, ma occorre essere informati e adempiere correttamente a tutti gli obblighi previsti.

Ecco l’iter burocratico da seguire.

  • Nei casi in cui è richiesto, occorre inviare una comunicazione preliminare all’azienda sanitaria locale;
  • Bisogna trasmettere all’Enea le informazioni sui lavori di ristrutturazione effettuati;
  • Per poter accedere alla detrazione fiscale, è necessario che i pagamenti effettuati siano tracciabili. Quindi, occorre pagare le spese di ristrutturazione con bonifico bancario o postale anche on line;
  • Conservare tutta la documentazione prevista dalla legge.

Oltre al bonus fiscale, la Legge di bilancio 2018 prevede anche agevolazioni Iva sulla ristrutturazione. Si applica un’aliquota Iva ridotta pari al 10% sulla prestazione di servizi per manutenzioni ordinarie e straordinarie che interessano le unità immobiliari abitative (ad esempio, costi di manodopera, consulenze professionali). Sui beni (acquisto di materiali, ad esempio), l’aliquota ridotta si applica solo se questi vengono ceduti nell’ambito del contratto di appalto. Per ulteriori informazioni, visita il sito dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it.

Ristrutturazione: qualità e risparmio su Instapro

Grazie alla nostra Guida ristrutturazioni 2018 ora sai proprio tutto sulla ristrutturazione, prezzi, opere e bonus. Puoi fare una scelta ponderata e consapevole.

Con una panoramica sui costi di ristrutturazione, le fasi da seguire e gli adempimenti burocratici, è il momento di trovare l’impresa per i lavori. Su Instapro puoi richiedere preventivi per la ristrutturazione alle migliori ditte specializzate della tua zona, in maniera gratuita e senza impegno. I professionisti iscritti a Instapro sono tutti verificati e certificati. Potrai comparare e fare le tue valutazioni leggendo le recensioni degli altri clienti.

Pronto a trovare la ditta giusta per i lavori di ristrutturazione? Prezzi alla mano, potrai scegliere in tutta sicurezza e con grande praticità. Cosa aspetti? Contatta le migliori ditte e richiedi un preventivo. Con Instapro, qualità e risparmio sono a portata di click!

Cosa dicono di noi

Altre letture raccomandate

  1. Guida ai prezzi: Piastrelle per muri o pavimenti
  2. Guida ai prezzi: Isolamento acustico
  3. Guida ai prezzi: Tinteggiatura interna
  4. Guida ai prezzi: Montaggio e sostituzione finestre
  5. Guida ai prezzi: Riparazioni finestre

Trova un edilizia vicino a te