Impianto elettrico a vista: prezzi e informazioni utili

Cosa c'è da sapere sull'impianto elettrico a vista? Prezzi, ovviamente, ma anche consigli pratici per la scelta del materiale e quale è il corretto schema di installazione. E con Instapro ricevi, se vuoi, un preventivo gratuito e su misura.

Vuoi ricevere preventivi su misura da ditte nella tua zona?

Impianto elettrico a vista: prezzi e detrazioni fiscali

L’impianto elettrico a vista, o esterno, è nato come esigenza necessaria per ambienti dove quello sottotraccia - per motivi di vario genere - non è realizzabile. Negli ultimi anni però la sua diffusione è stata crescente soprattutto per ragioni di tipo estetico. La moda legata allo stile minimal chic ha trovato nelle componenti e negli accessori dell’impianto elettrico a vista degli elementi per ‘giocare’ col design e creare ambienti post industriali e un po’ rétro.

Impianto elettrico: prezzi in una pratica tabella

Ma quanto costa un impianto elettrico a vista? I prezzi variano principalmente in base ad una serie di fattori, come le caratteristiche della casa e i materiali dei componenti. Riassumiamo le variabili che dovrai controllare per analizzare il preventivo e scegliere quello più conveniente per le esigenze della tua abitazione e del tuo budget:

Impianto elettrico esterno prezziDa - A
Impianto elettrico a vista con canaline15 € - 25 €
Impianto elettrico a vista con treccia30 € - 45 €
Impianto elettrico a vista in rame o acciaio40 € - 55 €

NOTA: i prezzi possono variare in base alla quantità di lavoro necessario, alla qualità dello stesso e alla regione nella quale ti trovi.

NOTA BENE: un aspetto importante per l'impianto elettrico esterno prezzi è quello delle detrazioni fiscali. La Legge Finanziaria ha confermato fino al 31 dicembre 2019 le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione casa: tra i lavori per i quali è possibile beneficiare della detrazione fiscale ci sono il rifacimento dell'impianto elettrico ed anche l'integrazione e messa a norma di quello già esistente.

Come funziona l'agevolazione fiscale? Avrai diritto ad un rimborso IRPEF pari al 50% di tutte le spese sostenute, compresi i costi di progettazione e di documentazione burocratica, fino a un massimo di 96.000 €. In pratica, l'aliquota ti verrà detratta dalle tasse in dieci rete annuali di pari importo. Ricorda che per usufruirne dovrai aver presentato in comune un documento edilizio, per esempio la CILA, e che i pagamenti dovranno essere effettuati con bonifico 'parlante' nel quale saranno riportati il suddetto numero di pratica e quello della fattura emessa dal professionista.

Le soluzioni sono svariate e permettono di scegliere il materiale e lo schema impianto elettrico che meglio si abbinano al contesto e alle esigenze di budget personale. Per esempio si può decidere per un impianto elettrico a vista in rame totalmente esterno, oppure lasciare a vista solo alcuni elementi e ‘mimetizzare’ gli altri nell'arredamento. L’aspetto invece che deve obbligatoriamente uniformare tutti gli impianti elettrici - in particolar modo quello a vista - è quello delle normative di sicurezza. Ecco perché il processo di modernizzazione relativo a questo tipo di impianto ha prestato attenzione a sviluppare soluzioni per soddisfare esigenze di gusto, ma anche e soprattutto di funzionalità sicura. Questo articolo si concentrerà su questi aspetti, oltre al costo dell'impianto elettrico

Impianto elettrico: costo e fattori che lo influenzano

L'impianto elettrico a vista ha sicuramente riscosso un interesse crescente sul mercato italiano. Per avere un'idea più chiara sulle sue caratteristiche e il costo dell'impianto elettrico a visto, eccoti una carrellata dei fattori principali che incidono sulla cifra finale:

  • Dimensione della casa e quantità di interruttori e punti luce necessari per il suo fabbisogno di illuminazione. La quantità di materiale è una voce importante nel prezzo finale, perché l’impianto elettrico a vista - pur non richiedendo importanti opere murarie - necessita di prodotti di alta qualità e certificati per la sicurezza. Per calcolare indicativamente la spesa tieni presente che ogni presa elettrica ha un costo medio di circa 60 € e che per ogni metro quadro sono necessarie 1,5 prese. Per esempio in un appartamento di 80 mq sono presenti circa 53 punti luce e quindi la spesa per l’impianto elettrico sarà indicativamente 3.200 €. Ricorda inoltre che con punto luce si intende non solo l'interruttore per la luce ma anche una presa elettrica. Il costo dell'impianto elettrico è influenzato da entrambi questi elementi fondamentali.
  • Tipologia di materiale e di schema impianto elettrico: con canaline, a treccia, in rame o in acciaio sono quelli più diffusi. Vedremo nel prossimo paragrafo come si realizzano e quali sono le loro modalità di impiego.
  • Costi per l'avvio del progetto, certificazioni e messa norma. Il professionista incaricato si occuperà dello studio della planimetria, effettuerà uno o più sopralluoghi e selezionerà i materiali secondo le tue indicazioni, ma anche sulla base della normativa vigente e delle schede prodotto che la soddisfano. A fine lavori sarà tenuto a consegnarti la documentazione relativa, a fronte del pagamento del costo dell'impianto elettrico.
Impianto elettrico a vista

Impianto elettrico a vista: prezzi e tipologie

Lo sviluppo delle aziende produttrici è stato indirizzato a coniugare aspetto estetico e sicurezza nel rispetto della normativa. La crescente diffusione dell'impianto elettrico esterno è dovuto infatti alla relativa semplicità di realizzazione, che non richiede opere di muratura invasive e anche alla possibilità di personalizzare gli ambienti in base al gusto personale.

In particolare il successo dello stile industrial - adatto per ristrutturare loft ed edifici rurali, lasciando mattoni pieni di argilla ed elementi metallici a vista - ha dato valore all'impianto elettrico come parte integrante del design, recuperando materiali considerati desueti come il rame o la ceramica. Ecco quali sono le tipologie più diffuse di impianti elettrici esterni, elencate in ordine crescente di costo.

  • Impianto elettrico a vista con canaline: impiegato principalmente da aziende e uffici, si realizza utilizzando le canaline passacavi in PVC, alluminio, gomma etc. I vantaggi principali sono la manutenzione molto semplificata e i costi contenuti degli elementi che compongono questa tipologia di impianto. Sul mercato si trovano canaline e placche che possono integrarsi anche con ambienti domestici: non solo bianche, quindi, ma anche color legno o metalliche per soddisfare esigenze diverse di arredamento. In alcuni casi vengono nascoste o decorate usando vernici acriliche. Il costo dell'impianto elettrico, così, si alzerà leggermente rispetto a quanto previsto dalla tabella.
  • Impianto elettrico a vista a treccia: si usa in contesti domestici per dare un tocco vintage. I materiali usati sono solitamente quelli originali degli anni '30, '40 e '50: ceramica, porcellana e cotto per placche e interruttori e filo di seta o cotone, intrecciati, per i collegamenti elettrici. Si tratta di una scelta in grado di coniugare tecnologia e design con costi molto variabili a seconda del prodotto e dello schema scelto per l'impianto elettrico.
  • Impianto elettrico a vista in rame: come visto parlando dell'impianto elettrico esterno prezzi, questa tipologia - con tubi in rame o in acciaio - ha un costo più elevato e si utilizza solitamente per le nuove ristrutturazioni.

Impianto elettrico a vista: prezzi, installazione e norme di sicurezza

Passiamo ora all'installazione, che influisce sul costo dell'impianto elettrico. Qualunque sia la tipologia da te scelta - impianto elettrico a vista in rame, oppure a treccia, o con canaline - la realizzazione è un procedimento piuttosto semplice che si può semplificare in tre fasi:

  1. Per prima cosa si pianificalo schema che stabilisce la collocazione delle prese e degli interruttori.
  2. Con una matita o altro (a seconda del contesto e del tipo di cantiere) si segnano sulle pareti i punti corrispondenti nei quali si dovrà prelevare la tensione, posizionare il quadro elettrico e sistemare le scatole per prese e interruttori.
  3. Le linee verticali e orizzontali sono lo schema guida per praticare i fori nella parete, necessari per il fissaggio delle scatole da frutto e per quella di derivazione. Le norme di sicurezza prevedono che se le scatole sono indirizzate a prese devono essere distanti da terra almeno 30 centimetri, se sono indirizzate a interruttori circa 120 centimetri.

Quali sono le regole basilari da rispettare perché un impianto elettrico esterno si definisca a norma? I criteri di sicurezza e gli standard di prestazioni sono contenuti nella norma CEI 64-8 che stabilisce i seguenti aspetti degli impianti elettrici a bassa tensione:

  • Messa a terra e quadro elettrico.
  • Salvavitaper interruttore generale e dispositivi di sicurezza adeguati alla corrente nominale delle singole prese.
  • Numero minimo dei circuiti e dei punti luce in base ai metri quadri e alla destinazione d'uso (abitazione, ufficio, industria etc.).

Le altre norme alle quali fare riferimento sono: il D.M. 37/2008 che obbliga il professionista a rilasciare la dichiarazione di conformità dell'impianto e il DPR 462/2001 relativo alla manutenzione degli impianti elettrici e alla verifica della messa a terra. Tutto questo insieme normativo si traduce in un aggiunta sul costo dell'impianto elettrico, dato che gli elettricisti devono assumere i costi per i corsi di aggiornamento costanti.

Impianto elettrico a vista: prezzi, qualità e risparmio su Instapro

La guida sull'impianto elettrico a vista - prezzi, tipologie, normative - è terminata e il tuo processo di scelta è quasi completato. Il prossimo passo non può che essere la consulenza di un professionista del settore. Sarà lui a ad ascoltare la tua idea e valutarla in base alle caratteristiche degli spazi e al budget a disposizione, con un sopralluogo e con uno studio di fattibilità in fase di preventivo. Sarai comunque tu a decidere a chi affidare il progetto sulla base dei costi, dei tempi e delle garanzie di qualità e di sicurezza.

Lo sai che puoi farlo anche subito e con un semplice click? Come? Con Instapro, lapiattaforma online che ti mette in contatto con i professionisti di zona. Compila la richiesta, con alcuni dettagli che possono risultare utili, per esempio se si tratta di una ristrutturazione parziale o totale, ubicazione dell'immobile etc. Attendi circa 24-48 ore per ricevere un riscontro da parte dei nostri professionisti disponibili ad assumersi l'incarico. Potrai valutare le loro offerte in base ai prezzi, alle tempistiche e alla qualità del servizio, anche leggendo le recensioni degli altri clienti. Senza alcun impegno da parte tua e in modo facile e gratuito.

Altre letture consigliate

Trova un elettricista vicino a te