Panoramica Tinteggiatura

Tipi di intonaco - I diversi intonaci per la casa

07-07-2017

L’intonacatura di interni permette di preparare o rifinire un muro applicandovi di sopra uno strato di intonaco, ottenuto miscelando gesso e cemento con acqua. Ci sono modi differenti per applicare l’intonaco su pareti e/o soffitti e le varianti sono diverse. Ad esempio viene usata una finitura liscia per muri lisci che possono essere verniciati con il latex o anche un intonaco decorativo adatto a superfici che hanno una fantasia già ben definita e del colore desiderato.

È bene scegliere l’intonaco in base allo stile desiderato per la casa. Qual è la vostra preferenza? È importante anche tenere in considerazione sia la manutenzione che il budget previsto. Ad esempio, un intonaco decorativo ha tempi di usura più lenti, mentre uno a base d’argilla è più costoso ma anche più pregiato e conferisce una bellezza naturale all’ abitazione.

Intonaco rasato

Utilizzando un intonaco liscio, il risultato sarà pulito e senza imperfezioni. L’applicazione però richiede le conoscenze di un intonacatore in grado di esporre tutte le diverse possibilità. Inoltre è possibile applicare delle modanature su intonaco rasato. Qui di sotto un elenco delle varianti di intonaco.

Intonaco civile

L’intonaco civile serve a rendere lisce le pareti. Il rinzaffo viene applicato in grande quantità su superfici irregolari, il suo spessore varia dai sette ai 3 centimetri ed è legato in cemento. L’arriccio invece è uno strato di malta fina ed il suo spessore va da 1 a 6 millimetri. Dopo avere applicato questi strati, si può passare alla pittura. L’unico difetto dell’intonaco civile è che è facilmente danneggiabile e per questo usura la vernice in tempi relativamente veloci. Grazie ad un’intonacatura liscia, il cui risultato finale sarà compatto e senza irregolarità, le stanze della casa appariranno pulite e moderne.

Intonaco a base d’argilla

L’intonaco a base d’argilla è un prodotto naturale, ecologico ma anche costoso, che crea un’atmosfera calda per l’abitazione e ne regola l’umidità, rendendo la temperatura interna più fresca in estate e più calda in inverno. Inoltre l’argilla protegge anche la struttura dai rumori esterni. Insomma, non solo una bella scelta, ma anche una saggia scelta.

Beton Cire (intonaco ad effetto cemento)

Il Beton Cire dà alle vostre pareti una sottile copertura in calcestruzzo, che aggiunge un tocco in più a cucine e bagni. Il Beton Cire è composto da cemento e per questo è adattissimo a spazi umidi oltre ad essere l’ultima moda in campo edilizio. Grazie al Beton Cire è possibile rinunciare ad utilizzare piastrelle per il bagno.

Sistema Pandomo

Questo metodo di trattamento regala un aspetto moderno ed industriale agli interni e viene spesso utilizzato in cucine, bagni e servizi igienici. Grazie a questo trattamento in olio minerale le superfici diventano resistenti all’ acqua ed alle macchie e sono facili da mantenere pulite. La rifinitura Pandomo è disponibile in una vasta gamma di colori diversi.

Intonaco decorativo

L’intonaco decorativo serve a delineare un motivo decorativo su soffitto e pareti ed è disponibile a colori, così non sarà necessario pitturarci sopra. La scelta dell’intonaco decorativo è una questione di gusto personale e deve essere abbinata alla scelta di un motivo ben preciso. Qui di sotto sono elencate le quattro forme di intonaco decorativo più popolari.

Spachtelputz

Lo spachtelputz è un intonaco granuloso, data la presenza al suo interno di piccoli frammenti di pietre. A seconda della grandezza dei granuli, la sensazione al tocco sarà più o meno ruvida. Ad esempio, scegliendo lo spachtelputz con granuli di 2,5 mm, la ruvidità sarà maggiore, mentre scegliendone uno con granuli di 1 mm la finitura risulterà più liscia. Un grano ruvido viene usato soprattutto per le facciate, mentre uno più liscio viene usato soprattutto per gli interni. Al momento lo spachtelputz è un intonaco decorativo molto in voga. Il suo vantaggio è che richiede una sola passata, è disponibile in una vasta gamma di colori diversi, è molto compatto e quindi molto resistente. La differenza dei diversi tipi sta nelle fantasia decorative.

Intonaco rustico

Con intonaco rustico, anche detto rinzaffo, si intende un motivo decorativo con piccole scanalature. È un modello elegante e di gusto, anche molto resistente agli urti e quindi difficilmente danneggiabile.

Granol

L’intonaco Granol ha un aspetto a corteccia d’albero, più ruvido dello stucco ruvido. L’intonacatore può presentarvi diversi modelli. Così come gli altri intonaci da decorazione può avere diverse trame, diversi colori ed è molto resistente.

Schuurwerk (Tecnica decorativa tipicamente olandese)

Questo tipo di finitura ad effetto levigato è più usata sui soffitti che sui muri ed ha un riconoscibilissimo motivo circolare che verrà realizzato direttamente sullo stucco dall’intonacatore.

Spackspuiten (Intonaco applicato meccanicamente a spruzzo)

Lo spackspuiten viene applicato attraverso l’uso di un macchinario. L’intonaco viene distribuito sul muro ad alta pressione, in due strati diversi: uno di preparazione e l’altro strutturale. L’applicazione è quindi molto veloce e a buon prezzo ed questa tecnica è spesso molto usata come finitura per soffitti in abitazioni moderne.

Intonaci di preparazione

L’intonaco civile, la tappezzeria o le piastrelle sono strettamente correlati alla levigatezza e alla regolarità dell’intonaco. Per applicare della carta da parati o delle piastrelle non è necessario che lo stucco sia del tutto liscio, il che incide sul tempo e sui costi, infatti l’intonaco di preparazione è spesso meno caro rispetto a quello da rifinitura.

Intonaco civile.

L’intonaco da rifinitura è spesso liscio e fisso. Lo strato di intonaco è pronto per essere intonacato (pitturato).

Intonaco preparativo per tappezzeria.

L’intonaco preparativo per tappezzeria è meno liscio di quello civile ed è adatto per sovrapporvi la carta da parati o per adattarvi un’altra finitura, ad esempio quella bocciardata. L’intonaco per tappezzeria non è né liscio, né di bell’aspetto e per questo viene spesso scelto come finitura per attici o stalle: interni funzionali in cui l’atmosfera conta di meno.

Intonaco preparativo per piastrelle

L’intonaco preparativo per piastrelle richiede una parete piana senza finitura liscia ma che sia comunque ben livellata. Quando si piastrella è importante che non vi siano né irregolarità né inclinature così da avere un buon risultato finale, soprattutto quando vengono scelte tegole grandi. Hai presente quei muri con evidenti pendenze in cui le piastrelle sporgono? Questo può essere evitato se viene passato dell’intonaco in anticipo.

Vuoi cercare un professionista per intonacare?

È possibile richiedere gratuitamente e senza impegno un preventivo e confrontare le proposte di intonacatori professionisti. Fai una richiesta di preventivo per un lavoro d’intonacatura, leggendo anche le recensioni lasciate da altri clienti.

Mettiti in contatto con i professionisti per permettere loro di stimare accuratamente il prezzo per la tua richiesta.

Trova un imbianchino vicino a te