Usando Instapro, acconsenti all'uso di cookies per migliorare la tua esperienza.

Panoramica Riscaldamento

Termosifoni a parete: prezzi e consigli utili

Adatti a ogni stanza e con colori e forme personalizzabili i termosifoni a parete hanno prezzi differenti a seconda dei materiali, del numero di moduli e della resa termica. Scopri con noi i vari modelli e chiedi un preventivo in sole 24 ore.

Vuoi ricevere preventivi su misura da ditte nella tua zona?

Termosifoni a parete: prezzi e informazioni generali

Soluzione classica e in grado di coniugare le tue esigenze di eleganza, design e riscaldamento, i termosifoni a parete trasferiscono calore all’ambiente grazie ai moduli di cui sono composti, che riscaldandosi cedono il loro calore all’aria e contribuiscono a creare il clima giusto nelle lunghe e rigide giornate invernali.

I termosifoni a parete hanno prezzi variabili innanzitutto in base al numero dei moduli: infatti più elementi si collegano tra loro più è grande la superficie del termosifone, col risultato che il costo finale del preventivo aumenta di pari passo con la sua resa termica.

I prezzi dei termosifoni a parete cambiano anche a seconda del design con cui sono realizzati: infatti oggi puoi avere a disposizione elementi a vela, oppure sinuosi e ondulati, dalla forma cilindrica, rettangolare o piatta, a seconda dello spazio che hai a disposizione a parete.

Altra variabile che determina i prezzi dei termosifoni a parete è il materiale con cui sono realizzati, che a sua volta influenza la resa termica del dispositivo e i suoi consumi. 

Infine ai singoli prezzi dei termosifoni a parete devi aggiungere il costo della manodopera per la loro installazione, che prevede il collegamento all’impianto di riscaldamento mediante tubi di diametro variabile a seconda del dispositivo che avrai scelto.

Tabella dei prezzi medi per termosifoni a parete

Nella tabella qua sotto i prezzi dei termosifoni a parete: potrai trovare spunti interessanti su fornitura, l'installazione, la sostituzione e alcune operazioni di manutenzione. Tutti i costi indicati sono IVA esclusa:

Fornitura termosifoni a parete - Prezzi a corpo DaA
Termosifone a parete elettrico resa 400 W50€100€
Termosifone a parete a piastra di design 800 W350€450€
Fornitura termosifoni a parete - Prezzi in base al materiale DaA
Termosifone a parete in ghisa da 600 W250€400€
Termosifone a parete in alluminio da 600 W150€300€
Termosifone a parete in acciaio da 600 W200€350€
Installazione e manutenzione termosifoni a parete - Prezzi a corpoDaA
Installazione termosifone a parete ad acqua60€120€
Creazione impianto di riscaldamento con termosifoni a parete3.000€6.000€
NOTA che i prezzi potrebbero variare per il tipo di lavoro da effettuare, la qualità della sua esecuzione e la regione in cui ti trovi.

Tabella dei prezzi medi per termosifoni a parete

Nella tabella qua sotto i prezzi dei termosifoni a parete: potrai trovare spunti interessanti su fornitura, l'installazione, la sostituzione e alcune operazioni di manutenzione. Tutti i costi indicati sono IVA esclusa:

Fornitura termosifoni a parete - Prezzi a corpo DaA
Termosifone a parete elettrico resa 400 W50€100€
Termosifone a parete a piastra di design 800 W350€450€
Fornitura termosifoni a parete - Prezzi in base al materiale DaA
Termosifone a parete in ghisa da 600 W250€400€
Termosifone a parete in alluminio da 600 W150€300€
Termosifone a parete in acciaio da 600 W200€350€
Installazione e manutenzione termosifoni a parete - Prezzi a corpoDaA
Installazione termosifone a parete ad acqua60€120€
Creazione impianto di riscaldamento con termosifoni a parete3.000€6.000€
NOTA che i prezzi potrebbero variare per il tipo di lavoro da effettuare, la qualità della sua esecuzione e la regione in cui ti trovi.

Termosifoni a parete: elementi di base e modalità di funzionamento

Di solito un calorifero a parete viene alimentato da una caldaia, da una stufa a pellet o da un'altra fonte di riscaldamento, che pompa acqua calda nei tubi fino a riempire i moduli del termosifone.

Questi a loro volta generano i cosiddetti moti convettivi, che spingono verso l’alto l’aria calda e portano quella fredda in basso, scambiando energia con i locali in cui sono installati. 

In alternativa all’alimentazione mediante impianto di riscaldamento, puoi decidere di installare:

  • Un termosifone elettrico a parete, che si collega a una normale presa e grazie alle resistenze interne riscalda il fluido al suo interno o il materiale refrattario, che a loro volta diffondono calore. Un particolare tipo di termosifone elettrico a parete è il convettore, che sfrutta unicamente la resistenza, senza alcun fluido all'interno, e che a volte è dotato di un ventilatore per diffondere più rapidamente l’aria calda;
  • Un termosifone a pannelli radianti, anch’essi alimentati con corrente elettrica, ma che sfruttano i raggi infrarossi per creare calore.
  • I termosifoni a parete hanno prezzi che variano quindi anche in base alla modalità di alimentazione; tuttavia ognuno dei dispositivi sopraelencati ha in comune con gli altri i seguenti elementi:
  • Una valvola che fa uscire l’aria dal circuito eventualmente presente nei moduli;
  • Una manopola di scorrimento dell’acqua, che ha lo scopo di regolare il flusso all’interno dei moduli;
  • Una valvola di espulsione del fluido, che serve a ridurre la pressione o a eliminare i liquidi per riparare i moduli danneggiati.

Termosifoni a parete: prezzi dei materiali

A prescindere dalla modalità di alimentazione, i termosifoni a parete hanno prezzi diversi a seconda del materiale con cui vengono realizzati, poiché questo cambia non solo la loro forma, ma anche il loro peso e soprattutto la capacità radiante e i consumi medi.

Di solito i caloriferi a parete sono realizzati in:

  • Alluminio, leggero e in grado sia di scaldarsi che di raffreddarsi molto velocemente, il che lo rende un materiale a bassa inerzia termica. La sua grande malleabilità gli consente di assumere forme particolari, come quelle a vela, ma anche ondulate, tipiche dei termoarredi di design;
  • Acciaio, altrettanto basso a livello di inerzia termica ma più pesante dell’alluminio, e soprattutto sensibile alla corrosione se non trattato a dovere con prodotti protettivi. Di solito questo materiale ha però meno facilità ad andare in caloria rispetto all’alluminio; 
  • Ghisa, lega metallica che necessita di molta energia per andare in temperatura di esercizio, ma una volta raggiunta quest’ultima ha la capacità di trattenere a lungo il calore, anche a riscaldamento spento. Il suo peso è però considerevole, motivo per cui devi valutare se la parete su cui vuoi installare un termosifone in ghisa è abbastanza solida o meno.

Termosifoni a parete: quanto consumano?

I vari materiali giustificano sì la differenza di prezzi dei termosifoni a parete, ma influiscono anche sul loro consumo medio: infatti se da una parte la bassa inerzia termica di acciaio e alluminio è in grado di ridurre la quantità di energia prodotta dall’impianto di riscaldamento, per il fatto che occorre meno combustibile per mandarli alla temperatura di esercizio prestabilita, dall’altro la capacità della ghisa di trattenere a lungo il calore rende ammortizzabile con la durata di accensione del riscaldamento il maggior consumo energetico.

Sulla base di questa considerazione valuta quindi qual è il contesto di utilizzo dei termosifoni: se ad esempio la casa in cui andranno installati è quella delle tue vacanze, il riscaldamento sicuramente verrà acceso per pochi mesi l’anno; perciò utilizzare dei radiatori in alluminio è la scelta migliore.

Invece se abiti in posti freddi, in cui il riscaldamento rimane acceso per la maggior parte dell’anno, un termosifone in ghisa potrebbe darti maggiore calore e spalmare nell’arco di tutta la stagione fredda il suo costo energetico.

Termosifoni a parete: prezzi in base alla tipologia

I prezzi dei termosifoni a parete cambiano anche a seconda della tipologia e della forma che avrai deciso di installare; in particolare puoi scegliere tra:

  • Termosifoni lunghi a parte, formati da elementi di anche più di un metro di lunghezza, di sezione cilindrica o rettangolare e dalle forme rettilinee o sinuose; 
  • Termosifoni verticali, adatti in contesti in cui puoi sfruttare l’altezza del soffitto;
  • Termosifoni orizzontali, da installare in contesti come cantine, mansarde o nei sottoscala, dove appunto l’altezza è bassa;
  • Termosifoni a piastre radianti, ossia elementi unici dotati di fluido termovettore o di tecnologia a infrarossi, la cui superficie può essere colorata a tuo piacimento o personalizzata con grafiche e stampe;
  • Termoarredi, costituiti da un unico elemento che va a formare linee geometriche spezzate, curvilinee, o motivi di varia composizione;
  • Scaldasalviette, che uniscono la funzione del calorifero con quella di un pratico stendibiancheria. Sono molto utilizzati in bagno, hanno di solito un orientamento verticale e i moduli sono paralleli tra loro, in modo da appoggiarci asciugamani, magliette e indumenti di piccolo ingombro. 

Termosifoni a parete: quali colori scegliere?

Se stai pensando all’abbinamento perfetto tra i termoarredi di design, i tuoi mobili e le tinte delle tue pareti, sappi che puoi dare libero spazio alla tua fantasia, creando giochi cromatici ad effetto in grado di dare quel tocco personale in più alle tue stanze.

Le tendenze per il colore dei termosifoni a parete vedono primeggiare i toni terrosi, come il beige, il marrone e la terracotta, ideali per una casa dallo stile classico, shabby chic o country.

Se invece ami i colori vivaci il rosso e il verde scuro sono due tonalità forti che, specie con le pareti bianche, creano contrasti interessanti e trendy, unendo eleganza e grinta in un’unica soluzione.

Preferisci invece un colore più tradizionale? Il bianco, l’avorio e il grigio sono la scelta che fa per te: infatti la loro capacità di adattarsi a qualunque contesto, dal più classico al più contemporaneo.

E a proposito di contemporaneità, se il tuo stile strizza l’occhio al minimal e all’industrial prova i colori metallici o le cromature: così i tuoi termosifoni doneranno brillantezza alla stanza con un pizzico di glamour.

Dove è meglio installare un termosifone a parete?

Per avere la giusta temperatura e al contempo ridurre i consumi, la posizione del calorifero fa la differenza: infatti un termosifone a parete di solito va installato a un’altezza dal pavimento pari a 10-15 centimetri e a 3-4 centimetri di distanza dal muro stesso; così l’aria potrà circolare uniformemente attorno al dispositivo e generare moti convettivi omogenei.

Per implementare l’efficienza termica è poi buona prassi isolare la parete dietro al termosifone, con pannelli ad hoc che, specie se il muro è dotato di una finestra, contribuirà a ridurre la dispersione di calore.

A proposito di finestre, installare un termosifone sotto di esse contribuisce ad aumentare i consumi; quindi se puoi evita di metterli in questa posizione, prediligendo muri senza aperture.

Non è buona prassi infine installare caloriferi dietro le porte, per il fatto che il moto convettivo dell’aria non è uniforme e il calorifero impiegherà più tempo ed energia a raggiungere la temperatura di esercizio impostata col termostato.

Prezzi termosifoni a parete: qualità e risparmio su Instapro

Per conoscere i vari modelli e i prezzi dei termosifoni a parete scegli un installatore affiliato a Instapro: migliaia di ditte sono a tua completa disposizione per un preventivo elaborato in sole 24 ore.

Confronta le varie offerte e contatta il professionista più vicino a te: convenienza e qualità sono i tratti distintivi dei nostri esperti.

Trova un termoidraulica vicino a te