Usando Instapro, acconsenti all'uso di cookies per migliorare la tua esperienza.

Panoramica Idraulica

Quanto costa installare uno scaldacqua a gas?

Installare uno scaldabagno a gas è un’ottima soluzione per avere sufficiente acqua calda in bagni e cucine. Per scoprire tipologie e prezzi dello scaldacqua a gas ideale di seguito faremo un breve riepilogo, analizzandone le caratteristiche di base.

Vuoi ricevere preventivi su misura da ditte nella tua zona?

Scaldacqua a gas: prezzi e informazioni di base

Differente per alimentazione, ma comunque adibito alla stessa funzione di uno scaldabagno elettrico, uno scaldaacqua a gas è un’altra soluzione impiegata per avere in bagno e in cucina tutta l’acqua calda che serve per lavare piatti e stoviglie e prendersi cura della propria igiene personale.

Al pari del modello alimentato a corrente, uno scaldacqua a gas ha prezzi che cambiano in primo luogo in base a fattori come:

  • La potenza calorifica che è in grado di erogare;
  • La classe energetica a cui il modello appartiene, che influenza i consumi annui di gas;
  • Le dimensioni e la forma, che in contesti angusti possono fare la differenza nella modalità di posa e di funzionamento.
  • Il fatto che sia o meno dotato della funzione di accumulo di acqua calda.

Ai prezzi dello scaldacqua a gas vanno poi aggiunti i costi di manodopera, che variano a seconda che il modello sia o meno di facile installazione, ma anche del contesto stesso in cui il dispositivo verrà posato.

Scaldacqua a gas: tabella prezzi

La tabella sotto riportata costituisce un breve riepilogo dei prezzi degli scaldacqua a gas più venduti e installati.

Fornitura e installazionedaa
Modello a camera aperta550€750€
Scaldabagno a camera stagna750€900€
Solo installazionedaa
Scaldacqua a camera aperta130€170€
Modello a camera stagna130€170€
Rimozione vecchio modello30€50€

*NOTA: i prezzi riepilogati possono variare da regione a regione e sulla base della specifica installazione da effettuare, così come da eventuali lavorazioni accessorie.  *

Scaldacqua a gas: prezzi e funzionamento

Rispetto al modello elettrico, uno scaldabagno a gas viene alimentato da due tipi di combustibile, vale a dire:

  • Il GPL – acronimo di Gas di Petrolio Liquido – che è stivato in bombole esterne o da interno e che ha un potere calorifico molto elevato. Ai costi al dettaglio vanno poi aggiunti quelli di trasporto, poiché non è presente una rete di distribuzione nazionale;
  • Il metano, distribuito tramite tubazioni dai vari fornitori su quasi tutto il territorio, che ha costi al dettaglio e potere calorifico decisamente inferiori al GPL.

A seconda del combustibile cambiano i tipi di bruciatore, ossia i dispositivi che scaldano l’acqua per immetterla nelle tubazioni domestiche; ma a parte questa differenza, uno i prezzi dello scaldacqua a gas metano o a GPL sono gli stessi, così come il suo funzionamento: infatti il riscaldamento dell’acqua che passa nel circuito interno del dispositivo – che come vedremo in seguito può essere stivata in un serbatoio o scaldata direttamente al bisogno - avviene mediante combustione con fiamma pilota o tramite scarica piezoelettrica.

Oltre al bruciatore, lo scaldacqua ha un termostato per impostare la temperatura di riferimento a cui portare l’acqua, così come delle valvole di sicurezza che, in caso di guasti, interrompe l’afflusso di gas al bruciatore, onde evitare fughe e intossicazioni.

Per smaltire i fumi della combustione lo scaldacqua va infine collegato a una canna fumaria, che immetterà il monossido di carbonio fuori dai locali in cui esso è installato.

Scaldacqua a gas: prezzi e tipo tiraggio

Essendo simile a una caldaia per il riscaldamento, anche lo scaldacqua per funzionare ha bisogno di aria con cui alimentare la combustione, che viene prelevata dalla stessa stanza in cui è installato il dispositivo, oppure dall’esterno dell'edificio tramite tubazioni.

Nel primo caso parliamo di un modello a camera aperta e di tiraggio naturale, mentre nel secondo siamo di fronte a scaldacqua a gas a camera stagna, molto più sicuri e a norma di legge.
 

Installare uno scaldacqua a gas: prezzi e potenza nominale

La potenza è il primo fattore da considerare nei prezzi di uno scaldacqua a gas: infatti più kW possiede, più è in grado di scaldare a dovere l’acqua calda di bagno e cucina, soddisfacendo il fabbisogno di ogni singola stanza in modo efficace.

Per scegliere la giusta potenza dello scaldacqua a gas per le esigenze domestiche, un tecnico installatore tiene solito di variabili come:

  • Il numero di componenti della famiglia che utilizzano il bagno e la cucina;
  • Il numero complessivo di rubinetti che andranno a richiedere acqua calda;
  • Il fatto che lo scaldabagno debba alimentare contemporaneamente o meno sia la stanza da bagno che la cucina: infatti spesso è bene separare le due stanze e installare due scaldacqua con potenze diverse, specie se in bagno si ha una vasca, che di norma consuma molta più acqua calda rispetto a un box doccia.

Oltre a queste considerazioni preliminari è bene inoltre sapere che uno scaldabagno a gas ha una potenza variabile in base ai litri che è in grado di stivare nel serbatoio: infatti più la sua capacità è elevata, più kW serviranno per riscaldare la massa d’acqua in questione, coi consumi di gas che aumenteranno di conseguenza. 

Questo vale per i cosiddetti modelli ad accumulo, mentre la potenza di uno scaldacqua a gas istantaneo cambia semplicemente in relazione al bruciatore e al suo rendimento termico.

Scaldacqua a gas: prezzi e modelli a confronto

Abbiamo già accennato al fatto che vi siano modelli di scaldacqua a gas dotati del cosiddetto accumulo, ossia della capacità di raccogliere acqua in un serbatoio interno, di riscaldarla e di mantenerla a temperatura costante fino al suo utilizzo.

Questa particolare tipologia di scaldacqua a gas ha prezzi superiori rispetto al modello istantaneo, che invece riscalda l’acqua solo nel momento in cui questa viene richiesta dal rubinetto che si sta utilizzando. 

In altre parole la combustione viene azionata solo nel momento in cui entra l’acqua nel dispositivo, mentre quando l’utente ha finito i suoi utilizzi questa si disinnesca. 

Proprio in virtù del suo funzionamento a richiesta, questa soluzione è più economica in termini di consumi e assicura acqua calda a temperatura costante, con un ingombro molto inferiore rispetto ai modelli ad accumulo: infatti non è previsto alcun serbatoio interno, che nei modelli più capienti può occupare molto spazio, vista la possibilità di installare modelli che vanno da 50 a 200 litri di capacità.

D’altro canto i maggiori prezzi dello scaldacqua a gas sono giustificati proprio dalla capacità di avere molta più acqua calda a disposizione, che nel caso si voglia alimentare bagno e cucina con un unico dispositivo la soluzione più congeniale.

Viceversa l’ingombro ridotto degli scaldabagni a gas istantanei li rende perfetti per fornire acqua calda sanitaria a cucine e bagni di servizio molto piccoli, oppure per essere installati in contesti come monolocali e bilocali.

Scaldabagno elettrico e scaldacqua a gas: prezzi e consumi a confronto 

I prezzi degli scaldacqua a gas di norma sono superiori rispetto ai modelli elettrici, sia nel caso si opti per la tecnologia ad accumulo, sia che si voglia installare un dispositivo istantaneo.

Questo per il fatto che, a parità di potenza, lo scaldacqua a gas ha costi di produzione e di realizzazione che mettono in gioco numerose componenti rispetto a un suo omologo elettrico.

Per quanto riguarda invece i consumi, i modelli alimentati a gas consentono un maggior risparmio sull’energia, poiché la corrente elettrica ha un prezzo al dettaglio superiore rispetto al metano e al GPL. 

Questo rende ad esempio uno scaldacqua a gas istantaneo a camera stagna più adatto per un utilizzo intensivo, che nel lungo periodo ammortizza il suo prezzo più alto con una bolletta energetica più leggera rispetto agli scaldabagni elettrici; tuttavia il rendimento di questi ultimi è in media superiore rispetto a quelli a gas: infatti stando alla norma UNI EN 26  uno scaldacqua a gas dovrebbe avere una percentuale di efficienza pari all’84%, contro il 99% dei modelli elettrici.

Entrando invece nel dettaglio tecnologico, uno scaldabagno elettrico istantaneo ha prezzi inferiori rispetto a un suo omologo a gas, in virtù del fatto che non c’è bisogno di installare canne fumarie e tubi per il tiraggio forzato, cosa che avviene ad esempio nell'installazione di uno scaldacqua a gas istantaneo a camera stagna.

A proposito di canne fumarie e tubi, le norme di legge in materia impongono poi restrizioni molto severe sui luoghi in cui si andranno a installare gli scaldabagni: infatti sono necessarie aperture di ventilazione e un volume di almeno 20 metri cubi, anche se gli scaldacqua a gas a camera stagna suppliscono a tali restrizioni, poiché prelevando aria dall’esterno rendono l’installazione effettuabile in ogni stanza, a patto che si installino le tubazioni di aspirazione e di scarico e il sistema di ventilazione forzata.

Uno svantaggio degli scaldabagni a gas è poi legato all’utilizzo in contemporanea di acqua calda in una o più stanze, che anche nel caso si opti per i modelli istantanei: infatti il loro tempo di risposta è superiore rispetto a quelli elettrici, il che significa un maggior consumo di energia.

Scaldacqua a gas: prezzi competitivi, qualità e risparmio su Instapro

Per conoscere nel dettaglio i prezzi degli scaldacqua a gas basta contattare l’esperto Instapro più vicino tramite la piattaforma: in massimo 48 ore il cliente avrà una risposta certa alle proprie domande.

Confrontare i prezzi di uno scaldacqua a gas a camera stagna e di un modello a camera aperta con l’aiuto di un personale competente e cortese è molto facile: con Instapro infatti basta valutare i preventivi delle varie ditte e scegliere il modello che meglio risponde alle proprie esigenze.

Altre letture consigliate

Trova un termoidraulica vicino a te