Cosa determina il costo della certificazione dell’impianto gas di casa e come la si ottiene

Anche l’impianto del gas col tempo può presentare problemi che ne inficiano il rispetto delle norme di legge. Per questo far eseguire a un tecnico affiliato ad Instapro la certificazione dell’impianto gas di casa al costo che vedremo è buona norma.

Vuoi ricevere preventivi su misura da ditte nella tua zona?

Certificazione impianto gas di casa: costo e informazioni varie

Al pari di quella relativa all’impianto elettrico, anche la dichiarazione di conformità dell’impianto del gas di casa è un documento che ha la funzione di attestare il rispetto delle norme di legge vigenti per questo particolare tipo di sistema, garantendo al proprietario sicurezza e idoneità a livello di abitabilità dei locali, nonché il rispetto delle norme igienico-sanitarie nella realizzazione dell’impianto.

A rendere obbligatorio il rilascio della dichiarazione di conformità dell’impianto gas di casa è la Legge 46 datata 1990, che è stata modificata negli anni e sostituita dal Decreto Ministeriale n° 37 del 22 gennaio 2008.

Stando a tale legge ogni ditta che si occupa del rifacimento o della realizzazione ex novo di un impianto del gas è tenuto a redigere, al termine dei lavori, una certificazione dell’impianto gas di casa, il cui costo rientra nel preventivo di realizzazione del medesimo.

Qualora la ditta incaricata dei lavori non possa rilasciare la dichiarazione di conformità dell’impianto gas di casa il proprietario o la stessa ditta provvederà a cercare un installatore certificato per la certificazione dell’impianto gas di casa, col costo che varia a seconda di fattori quali:

  • La destinazione d’uso dell’immobile in cui è sito l’impianto del gas;
  • La sua tipologia specifica;
  • La sua dimensione;
  • Il numero di componenti da verificare per il rilascio della certificazione;
  • Gli interventi da effettuare per la verifica.

In aggiunta al costo della certificazione dell’impianto gas di casa ci saranno poi i lavori di adeguamento normativo dell’impianto stesso, sempre a patto che non siano stati già conteggiati nel preventivo dalla ditta che ha eseguito i lavori e ha rilasciato la dichiarazione di conformità.

Tabella riassuntiva del costo della certificazione dell’impianto gas di casa

Per avere un’idea del costo della certificazione dell’impianto gas di casa, nella tabella sottostante andiamo a fornire alcuni dati, oltre che i prezzi delle principali dichiarazioni di conformità che vengono rilasciate dai tecnici abilitati.

Certificazione impiantoda - a
Costo certificazione impianto gas casa200 € - 300 €
Dichiarazione di conformità impianto elettrico300 € - 500 €
Dichiarazione di conformità per antifurto100 € - 200 €
Costo certificazione canna fumaria singola400 € - 600 €
NOTA: Il costo della certificazione dell’impianto del gas di casa potrebbe subire variazioni di carattere territoriale, nonché sulla base dell’esperienza e della metodologia impiegata dalla ditta incaricata per il rilascio della documentazione.
Certificazione impianto a gas

Certificazione impianto gas casa: costo, dati tecnici e documentazione da allegare

Affinché venga redatta in modo conforme la certificazione dell’impianto, la Legge impone che al suo interno vi siano ben specificati dati tecnici e personali quali:

  • La tipologia di impianto a gas installato;
  • Gli estremi d’identificazione della ditta responsabile della certificazione:
  • L’ubicazione dell’impianto;
  • I dati personali relativi al proprietario e/o al committente dei lavori per la realizzazione dell’impianto, che possono anche non coincidere;
  • I materiali impiegati nella costruzione.

Inoltre in allegato alla dichiarazione di conformità dell’impianto gas di casa vanno inoltrati:

  • Il progetto tecnico ad esso relativo;
  • Lo schema delle tubazioni, degli attacchi e delle valvole del gas;
  • Il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio relativo alla ditta che ha eseguito i lavori.

Una volta avuta tale documentazione il tecnico procederà con le verifiche tecniche e, qualora l’impianto risponda ai criteri di sicurezza vigenti, procederà a firmare e timbrare la dichiarazione, a riprova che esso può considerarsi a norma di legge. 

Certificazione impianto gas di casa: costo e scopo della richiesta

Il costo della certificazione dell’impianto gas di casa si giustifica nel momento in cui il proprietario dell’immobile deve effettuarne la vendita, o nel caso lo voglia affittare o cedere a soggetti terzi in alcun modo: infatti in caso vi fossero danni a persone o cose e mancasse la dichiarazione di conformità dell’impianto del gas della casa in questione, il vecchio proprietario o il locatore ne sarebbero direttamente responsabili. 

Ma oltre ad essere un documento da allegare al contratto d’affitto o a un rogito, la dichiarazione di conformità viene richiesta:

  • Per ottenere l’abitabilità e/o l’agibilità di un immobile a varia destinazione d’uso, indipendentemente dal fatto che questo sia oggetto di costruzione o di ristrutturazione;
  • Per avere il nulla osta sanitario, documento essenziale per avviare un’attività commerciale come ad esempio un negozio d’alimentari, un bar o un ristorante;
  • Per avere il certificato di prevenzione incendi, che nel caso di locali adibiti ad utilizzo industriale fa parte dei requisiti di sicurezza sul lavoro minimi previsti dalla normativa di legge vigente in materia.

Certificazione impianto gas di casa: costo e componenti da analizzare

Come abbiamo già avuto modo di accennare la certificazione dell’impianto gas di casa ha un costo che cambia prima di tutto a seconda delle componenti da analizzare e certificare.

Stando a quanto afferma la normativa UNI CIG 7129/08, le parti di un impianto del gas da verificare sono nello specifico:

  • Il cosiddetto punto di consegna, cioè lo spazio in cui la rete nazionale del gas entra nella proprietà privata e si allaccia alla tubazione del fabbricato. Questa zona è di solito formata da un pozzetto d’ispezione e da una valvola generale, che regola l’ingresso del gas in casa e che in caso di guasti intercetta eventuali perdite o fughe;
  • Il contatore, che deve essere rispondente alle norme di legge vigenti nel periodo in cui avviene la certificazione;
  • Le tubature, che stando alla norma devono essere realizzata a partire dall’impiego di rame, polietilene o acciaio, materiali ognuno con caratteristiche e standard di sicurezza particolari;
  • La presa di pressione, vale a dire il meccanismo che serve per regolare il flusso del gas e appunto mantenere nel circuito la giusta pressione, allo scopo di mantenere l’impianto in perfetto esercizio;
  • Le valvole di intercettazione e di chiusura del gas, che in caso di perdite o fughe costituiscono un’importante via di salvezza: infatti basta interrompere il flusso per evitare esplosioni e intossicazioni anche letali. Questi dispositivi sono il principale oggetto di verifica da parte del tecnico e la loro omologazione è fondamentale per ottenere la certificazione di idoneità dell’impianto., in quanto ne va dell’incolumità degli utilizzatori dell’immobile e delle cose in esso alloggiate.

Certificazione impianto gas casa: costo e personale abilitato al rilascio

Il costo della certificazione dell’impianto gas di casa è giustificato anche dalla professionalità del tecnico che ne è incaricato: infatti stando a quanto riportato dall’Articolo 4 del Decreto Ministeriale 37/2008, questa figura deve possedere i seguenti requisiti:

  • Aver ottenuto almeno un Diploma di Laurea in discipline di natura tecnica;
  • L’aver ottenuto un Diploma di scuola secondaria a cui è seguito un tirocinio di almeno 24 mesi all’interno di una ditta specializzata in questo tipo di impianti;
  • Essere in possesso di un attestato di formazione professionale che attesti l’aver seguito per almeno 4 anni un periodo di formazione interno presso una ditta specializzata in questo settore;
  • Aver svolto un periodo lavoro presso una ditta abilitata al rilascio di certificazioni d’idoneità di almeno 3 anni con la mansione di operaio installatore specializzato.

Per quanto riguarda poi la redazione e l’invio della documentazione tecnica allegata alla dichiarazione di conformità dell’impianto gas di casa, il progetto tecnico, lo schema dell’impianto e l’elenco dei materiali impiegati in fase di realizzazione devono essere stati scritti da periti tecnici o ingegneri che fanno capo alla ditta incaricata dei lavori.

Nel caso invece l’impianto del gas sia di natura non semplice, l’Articolo 5 del Decreto Ministeriale 37/2008 impone che la redazione di tali documenti debba essere effettuata da un professionista iscritto all'Albo di pertinenza. 

Certificazione impianto gas di casa: costo e iter burocratico

Dopo aver ottenuto l’idoneità, la dichiarazione sarà consegnata in due copie; la prima sarà conservata dal proprietario dell’impianto, mentre la seconda deve essere inoltrata presso lo Sportello Unico dell'Edilizia del comune in cui è ubicato quest’ultimo. 

Certificazione impianto gas di casa: costo contenuto e massima professionalità con Instapro

Per tutti coloro che stiano rifacendo il proprio impianto del gas, oppure stiano per vendere o affittare l’immobile in cui esso è situato, sulla nostra piattaforma sono presenti decine di tecnici qualificati al rilascio della certificazione dell’impianto gas di casa, al costo migliore sul mercato e con la garanzia di verifiche accurate e scrupolose.

Una volta selezionato il professionista di zona passeranno circa 48 ore prima che il cliente riceva riscontro circa la sua richiesta: un modo rapido e semplice di avere risposta alle proprie domande.

Preventivi su misura, affidabilità e convenienza sono le caratteristiche che ogni giorno noi di Instapro cerchiamo di offrire alla clientela e a riprova della bontà del nostro operato e dei tecnici a noi affiliate i nuovi utenti potranno consultare numerose recensioni rilasciate sulla nostra piattaforma, in modo tale da poter scegliere ancora meglio il professionista più adatto alle proprie esigenze.

Trova un termoidraulica vicino a te