Usando Instapro, acconsenti all'uso di cookies per migliorare la tua esperienza.

Panoramica Elettricità

Montaggio lampadario: prezzo e guida all'acquisto

Guida per il montaggio lampadario: prezzo e informazioni utili. Scegliere il lampadario giusto. Risparmiare con le lampadine. Come montare un lampadario. Cerchi il miglior professionista di zona? Ti aspetta su Instapro, gratis e senza impegno.

Vuoi ricevere preventivi su misura da ditte nella tua zona?

Montaggio lampadario: prezzo e indicazioni generali

L'illuminazione, intesa come punti luce e terminali, è un elemento indispensabile per rendere le abitazioni abitabili e confacenti ai gusti estetici personali. La progettazione dell'impianto elettrico per soddisfare l'esigenza pratica, è completata dall'acquisto di lampade e lampadari che soddisfano soprattutto il secondo aspetto. Nonostante le declinazioni di abbinamento e di stile siano quasi infinite, possiamo comunque fare alcune considerazioni valide a livello generale prima dell’acquisto dei lampadari. Come? Semplicemente tenendo a mente queste quattro parole chiave:

  • Coerenza
    • Rispetta il carattere dell'arredamento nel quale il lampadario sarà installato. Potrai giocare sui toni di colore, per affinità o per contrasto. Stesso discorso per i materiali. Qualora lo stile della stanza sia molto personalizzato si può optare per un lampadario minimal in semplice vetro bianco.
  • Misure
    • Il volume della stanza e l'illuminazione sono direttamente proporzionali. Considera che per 15 mq è sufficiente una lampada di 30 cm di diametro, oppure due punti luce più piccoli di 15 centimetri ciascuno, posti a 15 cm di distanza in linea retta. Dovrai considerare anche l'altezza della stanza: se i soffitti sono superiori a 3 metri, il lampadario dovrà scendere di 80 cm abbondanti; se invece i soffitti sono inferiori a 3 metri bastano 50 cm di distanza dal punto di fissaggio.
  • Risparmio
    • Sia l'acquisto del lampadario che quello delle lampadine devono essere pensati nell'ottica del risparmio energetico. La bolletta della luce più leggera ti permetterà di ammortizzare, nel tempo, i costi iniziali. Per quanto riguarda la potenza, deve essere commisurata alle misure di cui sopra: considera che mediamente ogni lampadario richiede lampadine da 80 W a 150 W o superiori.
  • Professionalità
    • La consulenza di un professionista del settore è lo strumento che ti permetterà di mettere a frutto i concetti appena espressi. Chiedi un sopralluogo e un preventivo per far sì che i punti luce della tua abitazione rispettino standard di qualità e di sicurezza e soddisfino le tue personali aspettative.

Indicazione media per il montaggio lampadario prezzo

Nella seguente tabella sono riportati i prezzi medi, IVA inclusa, per l'acquisto dei lampadari così come per il solo montaggio.

Lampadari costo per unitàdaa
Lampadario da parete prezzo20 €> 250 €
Lampadario cucina prezzo30 €> 280 €
Lampadario camera da letto prezzo50 €> 1000 €
Solo Installazione
Montaggio faretti20 €60 €
Montaggio punto luce da parete25 €200 €
Montaggio punto luce da soffitto30 €> 300 €

NOTA: I prezzi sono frutti di un'analisi di mercato realizzata fra i migliori professionisti attivi su Instapro e potrebbero subire variazioni in base alla qualità dei materiali, alle marche e alla regione nella quale ti trovi.

Montaggio lampadario: prezzo e tipologie di illuminazione

In questo paragrafo vogliamo illustrarti come scegliere il punto luce non solo in base al lampadario montaggio prezzo, ma anche e soprattutto considerando i fattori pratici ed estetici ad esso correlati. Le tipologie in commercio rispondono ad esigenze anche personalizzate: lampadari a sospensione, plafoniere, lampadario da parete, faretti etc. Praticamente impossibile non trovare la soluzione adatta alle proprie necessità sia di budget che di gusto. Vediamo nello specifico le caratteristiche dei punti luce in relazione agli spazi.

Lampadario cucina

Una zona della casa molto vissuta merita di essere illuminata a dovere. In questa stanza solitamente si consiglia la doppia tipologia di punto luce: faretti per il piano di lavoro e lampada sospesa sopra il tavolo. Nel caso del lampadario cucina la discesa del filo deve essere calcolata per lasciare circa 70 cm di distanza dalla superficie della tavola. Ottime le soluzioni saliscendi che permettono di regolare la distanza. La potenza necessaria media per illuminare la cucina è indicata in minimo 100 W.

Lampadario salotto e soggiorno

Anche in questo caso, la mescolanza di tipi di illuminazione è la scelta più comune. Piantane o lampade da terra, vicine al divano, favoriscono la lettura attività per la quale bastano anche 40-50 W. Ottimali quelle con luce regolabile e orientabili nella direzione. Faretti in zona libreria e alle pareti, mentre nella parte centrale un lampadario sospeso sarà elemento integrante dell’arredamento. Questa la dislocazione classica dei punti luce in salotto e in soggiorno con molteplici possibilità di variazioni.

Lampadario camera da letto

Il lampadario o la plafoniera centrale sono solitamente gli elementi centrali per l'illuminazione della camera da letto. Le luci da comodino sono essenziali per la lettura e per i momenti di relax. Interessanti soluzioni sono quelle che permettono di illuminare separatamente i vari elementi dell'arredamento della camera, come il guardaroba o il cassettone.

Lampadario bagno

Plafoniera, lampada sospesa, faretti. Nel bagno la libertà di scelta per i punti luce è senza vincoli, o quasi. La zona del lavandino infatti è solitamente illuminata dalle luci sullo specchio necessarie per le attività quotidiane, come farsi la barba per lui, o struccarsi per lei. La luce principale può essere dislocata anche a seconda delle componenti del bagno, come dei faretti che illuminano la zona doccia, oppure un lampadario da parete che valorizza la vasca da bagno.

Montaggio lampadario: prezzo e risparmio energetico

Il punto luce si compone del terminale - lampadario, faretto, piantana etc. - come anche della lampadina. È importante sapere che tale binomio può avere un peso importante nell'economia domestica. La sfida dell'innovazione nell'illuminazione infatti è quella di coniugare impatto estetico, resa di potenza e risparmio energetico. La scelta della lampadina è quindi un aspetto da considerare contestualmente a quella del lampadario. Queste sono le tipologie in commercio, con relative caratteristiche.

Lampadine a incandescenza
  • Accensione immediata.
  • Luce dalla tonalità calda e con buona resa visiva.
  • Costo di acquisto economico.
  • Durata limitata a circa 1000 ore.
  • No risparmio energetico.
Lampadine alogene
  • Accensione immediata.
  • Luce bianca.
  • Buona durata.
  • Elevata temperatura di surriscaldamento.
  • No risparmio energetico.
Lampadine fluorescenti
  • Raggiungimento del regime di massima luminosità non immediata.
  • Contengono mercurio e lo smaltimento richiede un conferimento apposito.
  • Durata media di circa 8.000 ore.
  • Sì risparmio energetico: in classe energetica A garantiscono consumi molto contenuti.
Lampadine a LED
  • Raggiungimento della massima luminosità immediata e nessun surriscaldamento anche in accensione prolungata.
  • Durate media di 25.000 ore.
  • Varietà di forme, dal moderno al vintage e possibilità di variare la luminosità e i colori della luce tramite un dimmer.
  • Costi fino al 50% superiore rispetto alle lampadine fluorescenti.
  • Sì risparmio energetico garantito dalle classi A, A+, A++.

Come montare un lampadario

Sebbene sia un'operazione senza particolari difficoltà, per montare un lampadario sono necessarie un'adeguata strumentazione, un po' di pratica e sufficiente manualità. Sono queste le premesse per procedere in sicurezza e per garantire la qualità del lavoro. Qualora anche una sola delle suddette condizioni non fosse rispettata è conveniente rivolgersi ad un professionista, che nel minor tempo ti assicurerà il massimo risultato.

Attrezzi montaggio lampadario
  • Cacciavite.
  • Trapano.
  • Forbici.
  • Morsetti.
  • Nastro isolante.
  • Tassello in metallo e gancio di sostegno.
Fasi preliminari montaggio lampadario
  • Stacca la corrente generale dal quadro elettrico.
  • Il punto di installazione deve essere già provvisto di allaccio all'impianto.
  • Esegui un piccolo foro accanto ai fili pendenti a distanza di circa 10 cm, dove inserirai il tassello per fissare il gancio di sostegno al lampadario.
  • Controlla che il gancio sia solido e sufficientemente stabile per evitare il rischio di cedimenti improvvisi.
Fase collegamento elettrico lampadario
  • I fili del lampadario devono essere collegati a quelli pendenti a seconda del colore delle guaine, che rappresentano il neutro (blu), la terra (gialla/verde), la fase (nera/rossa).
  • Inserisci i cavi conduttori nei morsetti del lampadario, stringendo bene le viti. Inizia dalla terra e procedi con gli altri due cavi, facendo attenzione a non danneggiare i fili di rame.
  • Infine nascondi il gancio con il coperchio, se è in dotazione con il lampadario, avvitandolo bene al soffitto per evitare che resti dello spazio dove potrebbero accumularsi sporco e polvere.

Montaggio lampadario: prezzo, qualità e il miglior professionista su Instapro

Adesso che se consapevole dell'importanza della scelta del lampadario - complemento di arredo, ma anche fattore di risparmio energetico - non ti resta che procedere nel calcolo specifico del fabbisogno di illuminazione e in uno studio accurato della disposizione degli spazi e dei punti luce. La consulenza di un professionista del settore è in questa fase del progetto un elemento chiave.

Come trovare il miglior professionista che, con competenza e professionalità, possa darti le soluzione che cerchi? Con Instapro è più facile di quello che pensi e a costo zero. Compila la domanda online, attendi circa 24-48 ore e riceverai le risposte dei professionisti di zona. Potrai compararle per tempistiche e per affidabilità, leggendo le recensioni degli altri clienti. Infine, senza alcun impegno da parte tua deciderai se e a chi affidare l'incarico. Mettici subito alla prova: è gratis e ti basta un click.

Trova un tuttofare vicino a te