Usando Instapro, acconsenti all'uso di cookies per migliorare la tua esperienza.

Panoramica Cartongesso

Guida alle tipologie, alle essenze e ai prezzi di un soffitto in legno

Sinonimo di accoglienza e calore, il legno è un materiale largamente utilizzato nel design d’interni per creare complementi d’arredo o rivestimenti come travi e soffitti. Ma cosa influisce sui prezzi di un soffitto in legno? Vediamolo insieme.

Vuoi ricevere preventivi su misura da ditte nella tua zona?

Installazione di un soffitto in legno: prezzi e informazioni generali

Utilizzato da sempre sia in edilizia che nella realizzazione di complementi d’arredo, il legno è un materiale robusto, duttile ed abbastanza facile da lavorare, che con le sue venature peculiari è in grado di donare a qualunque ambiente domestico un’atmosfera calda ed accogliente.

Anche se teme l’umidità, il legno si presta per realizzare costruzioni interne ed esterne, come ad esempio:

  • Librerie;
  • Gazebo;
  • Tettoie;
  • Pensiline per auto;
  • Scaffalature;
  • Soppalchi.

Tabella riassuntiva dei prezzi di un soffitto in legno

Per avere una stima immediata circa il prezzo di un controsoffitto in legno elenchiamo di seguito le principali voci di costo all’interno di una tabella. 

soffitto in legnoda - a
Travi in legno massello16 € al mq
Travi in legno lamellare9 € al mq
Travi in finto legno9 € al mq
Controsoffitto in legno lamellare in pannelli20 € al mq
Costo della manodopera per l’installazione20 € - 25 € l’ora
Operazione di insonorizzazione soffitto5 € - 10€ al mq
Sbiancatura del legno10 € al mq

NOTA: I prezzi riportati in tabella riguardo ai materiali e alle lavorazioni possono risentire di variazioni basate sulle specifiche esigenze del cliente e su lavori ulteriori di adattamento al contesto di posa. 

Per quanto riguarda nello specifico gli interni, le essenze lignee sono utilizzate per creare pavimentazioni eleganti e dalle decorazioni personalizzate. 

A proposito di rivestimenti, è possibile anche utilizzare molti tipi di legname per creare travi a vista e soffitti in legno robusti, che implementeranno le caratteristiche isolanti dei locali di casa.

In generale l’installazione di un soffitto in legno ha prezzi che cambiano a seconda di variabili quali:

  • La tipologia specifica di essenza scelta dal cliente, che influenza anche caratteristiche quali la bellezza, la robustezza e la facilità di lavorazione;
  • Il fatto che sia legno massello, cioè pieno, o lamellare, vale a dire composto da uno strato esterno di legname che sta al di sopra di altri materiali o di legni meno pregiati;
  • Lo spessore di ogni trave, che a seconda del peso che deve sostenere deve essere adeguatamente dimensionata.

In più ai costi del soffitto o del controsoffitto in legno si aggiungono quelli di lavorazioni accessorie quali:

  • L’applicazione di un impregnante protettivo, che anche in contesti interni aiuta a preservare la bellezza e la resistenza del legname;
  • Eventuali trattamenti ad hoc scelte dalla committenza, come ad esempio la laccatura, la spazzolatura o l’effetto satinato;
  • Incisionie decorazioni applicate a stampa sulla superficie;
  • L’insonorizzazione del soffitto stesso, attraverso l’installazione di pannelli, fogli o materassini flessibili di materiale isolante quale lana di roccia o altro;
  • L’illuminazione eventuale a incasso, che prevede anche un sovrapprezzo per la ricerca dei faretti più adatti allo scopo.

Infine vanno considerate nel preventivo finale le ore di manodopera, che cambiano a seconda della superficie da rivestire e delle lavorazioni accessorie sopraindicate.

Soffitti in legno

Realizzare un soffitto in legno: prezzi e qualità dei materiali

La prima variabile che entra in gioco all’atto di creare un soffitto o un controsoffitto in legno è la stessa materia prima: infatti vi sono essenze pregiate come quercia, noce, rovere e teak, che hanno elevati costi al metro quadro, giustificati dalla bellezza delle venature, dalle colorazioni e dalla robustezza delle fibre.

Pino e abete invece rappresentano una scelta più economica, anche se le loro venature chiare si abbiano bene a contesti arredati stile scandinavo o minimal; stesso discorso vale per il faggio, legno dall’ottimo rapporto qualità-prezzo e con tonalità più calde, più adatte alle case di campagna ispirate allo stile provenzale.

In generale però a fare la differenza nei prezzi di un soffitto in legno è il fatto che quest’ultimo sia del tipo:

  • Massello, cioè composto esclusivamente da fibre della stessa essenza, il che significa maggior compattezza, e resistenza, ma anche un costo più elevato al metro quadro. I legni in massello più utilizzati nei contesti domestici sono il castagno, il rovere, il larice e l’abete, ognuno dei quali presenta colori e venature peculiari di grande effetto;
  • Lamellare, composto cioè da una lamina esterna in vero legno, e da strati di materiale plastico, oppure di legno MDF o truciolare, che stanno al di sotto della superficie, questa scelta è decisamente la più economica e permette di abbassare i costi, pur senza rinunciare alla bellezza e al calore delle venature del vero legno.

A seconda dell’essenza scelta le operazioni d’installazione e le tempistiche cambiano di conseguenza: infatti il legno è un materiale vivo, che risente di periodi di adattamento alle condizioni climatiche del contesto di posa. 

Soffitto in legno: prezzi e tipologie

Per quanto riguarda poi le varie tipologie di soffitto in legno, i prezzi cambiano a seconda del fatto che il cliente scelga:

  • Un soffitto con travi a vista, spesso di un colore più scuro rispetto al soffitto stesso, in modo da creare un contrasto cromatico di grane impatto estetico. In alternativa le travature possono essere sbiancate con un procedimento apposito, il che però costituisce una voce di costo accessoria. Le travi, oltre che per scopi estetici, possono essere installate anche nel caso si voglia costruire un soppalco, oppure si voglia abbattere una parete portante, avendo così comunque la solidità strutturale intatta;
  • Un soffitto realizzato a partire da pannelli di legno, che in pratica somiglia a un parquet o a un pavimento, il quale donerà la medesima sensazione di calore ed accoglienza. Anche qui in gioco entrano la qualità del legno e lo spessore di ogni pannellatura, anche se la procedura d’installazione è molto più semplice rispetto alle travi. Tra i costi accessori potrebbero esservi quelli di insonorizzazione del soffitto, che si può effettuare con varie tecniche, a seconda del risultato che si vuole ottenere.

È chiaro che la scelta dell’una piuttosto che dell’altra versione influenza in modo diretto i costi di manodopera: infatti per la posa delle travi occorre molto più tempo rispetto ai pannelli, anche se potrebbero essere necessari lavori di adattamento anche per questi ultimi. 

Soffitto in legno con travi: prezzi e differenze tra i vari materiali

Se ci soffermiamo sulle travi in legno, la principale differenza tra le travi sta nelle loro dimensioni: infatti più il loro diametro è considerevole, più aumenta la loro capacità di sopportazione dei carichi strutturali, col risultato che il prezzo finale aumenterà in modo direttamente proporzionale.

Altra differenza sostanziale tra le travi è il fatto che siano del tipo laminare o in massello.

Le prime vengono assemblate a partire da più listelli incollati tra loro, mentre le seconde sono realizzate a partire da fibre compatte del medesimo legname.

Le travi laminate però sono molto più resistenti, hanno una flessibilità maggiore e sono molto più versatili a livello estetico: infatti si sposano bene con complementi e design d’interni sia contemporanei che classici, mentre le travi in massello sono tipiche dei contesti rustici eshabby chic.

Il recupero del sottotetto: una scelta sempre più di moda

Per chi avesse poi già la fortuna di avere una casa dotata di travi in legno, il loro recupero all’interno dei locali adiacenti al tetto come le mansarde è diventata un’operazione sempre più richiesta e di tendenza.

Di solito una ditta specializzata, dopo aver valutato se all’interno del sottotetto vi è sufficiente aria e luce – condizioni che si definiscono nel gergo tecnico rapporto aeroilluminante, che per legge deve avere una soglia minima per poter considerale una mansarda abitabile – procederà al recupero delle travi del sottotetto come segue:

  • Pulirà la superficie del legno;
  • Valuterà la condizione delle travi, che devono comunque garantire sufficiente robustezza per sopportare il peso del tetto. Se non fosse possibile il loro recupero, i prezzi del soffitto in legno salirebbero di molto: infatti la sostituzione delle travi sarebbe un’opzione inevitabile, con il preventivo che terrà consto sia del costo della materia prima che di quello della manodopera;
  • Stuccherà eventuali crepe superficiali con apposito mastice;
  • Applicherà eventualmente uno strato di isolante;
  • Procederà con la verniciatura finale. A tal proposito, se il cliente preferisce il colore naturale del legno, si applicherà solo qualche mano di trasparente, in modo da garantire al legno sufficiente protezione.

Soffitti in legno a prezzi convenienti con i professionisti affiliati a Instapro

Per installare un soffitto in legno a prezzi competitivi la nostra piattaforma offre un metodo di comparazione semplice e veloce: infatti basterà contattare la ditta più vicina, attendere un riscontro – di solito entro 48 ore - ed eventualmente procedere coi lavori.

Preventivi su misura, manodopera qualificata e materiali di prima qualità sono un ulteriore punto a favore delle ditte a noi affiliate, che ogni giorno offrono i loro servizi con cortesia e competenza. 

Per orientarsi meglio nella scelta del professionista, le recensioni degli utenti che già si sono avvalsi dei suoi servizi sono un utile strumento per valutare ancora meglio la sua serietà.

Trova un edilizia vicino a te